19 nov 2013

Giorno 216- sola titanica anche no

Oggi e' una di quelle giornate in cui mi sarebbe piaciuto molto non uscire di casa.
Mi sarebbe piaciuto rimanere a letto, nel caldo troppo caldo della mia trapunta della ikea.
Che non si sa come, ho usato per tutta la estate senza problemi e ora, in pieno inverno, mi fa sudare.
Io penso siano i miei sogni.
Non dormo bene, sono agitata, nemmeno il bite che mi evita di consumarmi i denti e le mandibole aiuta.
Mi giro e mi rigiro, faccio sogni dai quali mi sforzo di svegliarmi per smettere di girarmi e rigirarmi.

Oggi e' uno di quei giorni in cui vorrei volentieri sparire.
Essere un po' dimenticata mentre cerco di capire come uscire da questa melma nera che questo posto, questo grigio di tempo, questa tastiera su cui batto, questo telefono che squilla, questo bling di email inutili, produce in quantita incredibile.
Ancora meglio se mi fosse inviato qualcuno a dirmi come uscire da questa melma. Qualcuno a cui dare le chiavi e dire- ok torno tra un paio d'ore e tu intanto pensa, decidi, capisci e poi fammi sapere cosa devo fare.
Mentre magari me ne vado a farmi massaggiare da quella thailandese che mi ha sciolto le contratture del 1995.

Oggi e' uno di quei giorni in cui non riesco a trovare il senso.
Cosa ci faccio io qui in questo momento?
Non dovrei forse essere da qualche altra parte?
Si, ma dove?

E nemmeno il pensiero di tornare a casa la prossima settimana, aiuta.
Anzi- sara' solo di nuovo un dolore sordo perche' arrivero' consapevole del fatto che sara' una parentesi momentanea per poi tornare alla melma nera.
Ottimismo a pacchi, amici.

Che poi, perche' tutto adesso?
Quali segnali ho trascurato?
Cosa mi sono nascosta? E per quanto tempo?
Perche' razionalmente trovo quasi inaccettabile essermi ridotta a questi livelli- evidentemente avrei dovuto agire molto prima.

La paura di cambiare penso sia cio' di piu' misitificatore al mondo.
Come indossare occhiali che ti fanno vedere il mondo piu' rosa di quanto in realta' sia. E non volerli togliere, che il grigio richiede un colpo di coda e ci si tiene su con gli stecchini figuriamoci fare il colpo di coda.

Insomma oggi e' una giornata decisamente no.
Come tante ultimamente.
Forse e' solo quella bitch della SPM.
Ma come vorrei ci fosse qualcuno su cui appoggiarmi, farmi accarezzare i capelli e sentirmi dire che andra tutto bene.
Sola titanica anche no, oggi.

Categories:

9 commenti:

  1. Mi sa che è il periodo così un po' per tutti
    spero almeno che tu sia riuscita a trovare le misure giuste del lenzuolo che deve contenere la trapunta, io le sbaglio sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimensioni si, ma che fatica per infilare il piumino in quei copripiumini con l'apertura (piccola) su un lato solo!

      Elimina
    2. io non sono ancora arrivato a quel livello :-D

      Elimina
  2. E' l'autunno. Che passerà, insieme a questa strana malinconia. Bon courage! ;-)

    RispondiElimina
  3. "Ma come vorrei ci fosse qualcuno su cui appoggiarmi, farmi accarezzare i capelli e sentirmi dire che andrà tutto bene."

    O è l'autunno, o siamo sincronizzate su quella bitch della SPM :D

    Mi piace pensare che sia l'autunno, e che con una bella tazza di cioccolata calda e una serie TV ci si possa sentire un pochino più leggere :)

    RispondiElimina
  4. Andrà meglio perchè dopo la tempesta c'è sempre il sole e perchè la SPM finisce ;)

    RispondiElimina