14 giu 2013

Giorno 61- a volte ritornano (con magno gaudio)

Diciamoci la verita'.
Ognuna di noi ha una lista di coloro i quali ci hanno fatto penare- the black list, come la chiamo io.
Non mi riferisco alla lista degli ex- quella e' di un altro colore. Direi red, come ci "metto un crocione rosso sopra".

Mi riferisco a quella di "coloro che potevano essere ma non si sono voluti concedere o se si sono concessi poi dopo sono spariti".

Black che piu' black non se po'.

Io la lista ce l'ho davvero, non solo mentale, ma ordinatamente riportata in una pagina del mio diario di sventure di questi anni.

Da qualche tempo mi diverto ad aggiornarla- in particolare annoto se colui il quale dopo un po' torna.

Per "tornare" intendo dire che il genio di turno, dopo aver sancito tramite silenzio piu o meno lungo la propria indiscussa (e virtuale) superiorita', torna a cercarti con una misera e stupida scusa.
O peggio, ti rende noto che ti ha ancora nel radar screen utilizzando gli ultimi tools della moderna tecnologia- tipo innondandoti di "like" su facebook. (molteplici volte ho sentito amiche dirmi " secondo me qui gatta ci cova, questo mi richiede di uscire perche ultimamente mi ha messo like dappertutto". conversazioni moderne).

Raga, statisticamente provato che il 90% torna.
E a volte le scuse di riallaccio-rapporto sono cosi stupide che le ho addirittura annotate.
"Sai ultimamente ci ho pensato un sacco, a quel gennaio (di millemila anni fa, ndr) e mi dispiace un sacco per come e' andata sai? cioe', sono stato proprio uno scemo. Ma del resto a volte si fanno degli errori". Non mi sono neanche degnata di rispondere.

Il punto e' che i black-listed sono stati sicuramente oggetto di qualche disperazione momentanea. Di dita anchilosate dal tenere in mano il telefono per controllare se rispondevano/chiamavano/esistevano. Di interminabili ore su skype con l'amica ad analizzare parole, opere e omissioni. Di zerbinaggi acuti, tipo comprare un DVD apposta solo per dirgli casulamente "ah si ce l'ho, te lo posso prestare se vuoi" (esempi di vita vissuta).

E quindi quanto tornano, questi ci regalano una gioia senza fine.
Il Magno Gaudio.
Perche' le inner goddesses in noi (e qui credo di stare citando 50 sfumature, per cui si, merito il cilicio) esultano.
E esultano ancora di piu' se siamo nello status mentale tale da poterli ignorare senza neanche pensarci.

Diciamo quindi tutte insieme grazie a coloro che ritornano.
A volte vale la pena disperarsi per n giorni, se poi segue il magno gaudio, no?


Tramonto ieri nella citta' di K. Quanto amo questo posto.

5 commenti:

  1. si, fortissimamente si.
    non c'è sensazione più bella del coglione che ritorna...
    purtroppo, non l'ho provata molte volte questa sensazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anche quelle poche volte e' una sensazione troppo potente no?!
      happy che mi puoi commentare adesso!!

      Elimina
    2. yeeeeeeeeeeeee!!!
      sono quelle volte che leggi, saltelli urlacchiando 5 minuti, e poi, guardi il telefono e urli "ma vaffanculo, vah!!!!!".
      e ridi.
      ah, che bello.

      Elimina
  2. In effetti sono momenti di non trascurabile soddisfazione :)
    grazie che mi leggi.
    baci.

    RispondiElimina